venerdì 12 agosto 2016

ARCANGELO SANNICANDRO

I grandi comunisti italiani: arcangelo sannicandro

1 commento:

  1. Il compagno Sannicandro, sul quale Lombroso avrebbe potuto scrivere un trattato, dimostra eloquentemente gli effetti della mancanza di idealità nell'azione politica. E'chiaro che poi, certe argomentazioni a difesa di vecchi e immotivati privilegi, fanno incazzare quanto più provengono da partiti sostenitori della questione morale.

    Ma le incongruenze sono anche altre: te lo ricordi Vendola quando, intercettato sulla questione ILVA, con Archinà (il capo relazioni esterne della famiglia Riva) si congratulava per come aveva evitato di rispondere alla domanda di un giornalista sui tumori provocati dall'acciaieria?

    Ti ricordi quando il sindaco di Taranto, Ippazio Stefano andò alla festa per la rielezione mostrando una pistola sotto la giacca?

    Ti ricordi quando Luciana Castellina, candidatasi alle Europee "solo per la causa", per attrarre voti a favore di Furfaro, una volta eletta se ne fregò degli accordi presi, e partì per Bruxelles, mandando a Furfaro un bel ciaone?

    Sono episodi diversi, ma uniti da un comune denominatore: vivere l'azione politica unicamente per conquistare un centro di potere. E affanculo Berlinguer.

    RispondiElimina