domenica 21 febbraio 2010

DETTAGLI


oggi ho ringraziato Dio per essere nato uomo.
no, scherzo, lo sa da un pezzo che gli sarò per sempre grato per questo favore.
e non per il fatto che troverei di cattivo gusto avere un organo riproduttivo che si chiama come una malattia nervosa.
ma per il corredo di mancanza di logica che ti appioppano d'ufficio assieme alla figa.
voglio dire.
se volete comprendere davvero cosa significhi essere donna non vi serve guardare sex and the city.
basta che aiutiate una vostra amica a traslocare.

infatti:

- se siete una donna, il giorno prima del trasloco andrete a fare copiose compere presso: la rinascente, l'auchan, oviesse, sisley, miss sixty, phard, diesel, fornarina, take-two, levi's, bruschi, geox, furla ed il verduraio di fronte a casa.
perchè si sa che è meglio non rischiare di arrivare nel nuovo alloggio e accorgersi che ti manca qualcosa. tipo dodici confezioni di coca-cola, ventisei paia di calze o 3 chili di mandaranci.
fa niente se bisogna fare dodici viaggi in più.
che vuoi che sia.
- se siete una donna, scoprirete che occorre trasportare necessariamente tutte le 429 confezioni di crema idratante, crema per le mani, crema per il corpo, crema per il giorno, crema per la notte, crema per il viso, crema per il contorno occhi, crema rassodante, crema tonificante, crema glitterata, crema profumata, crema non profumata che avete stipato nel mobiletto del bagno.
poi, nel momento esatto in cui le cinque borse di prodotti si trovano sulla soglia della nuova casa, comincerete disinvolte a considerare che, comunque, 402 confezioni sono da buttare via.
- se siete una donna, vi sarete procurate nel corso degli anni una collezione completa di contenitori in plastica. una collezione di circa 200-250 pezzi.
e tutti da tenere. che non si sa mai.
composta da contenitori normali, lucidi e opachi. con coperchio trasparente. con datario.
con coperchio azzurro, in policarbonato, in polipropilene, in polistirene ad alta e bassa densità, in teflon, in polietilene tereftalato ed in acrilonitrile butadiene stirolo. (un paio anche in gomma siliconica da forno).
per microoonde, per alimenti, e per alimenti liquidi con scala graduata.
per dolci, per biscotti, per frutta tagliata e per frutta intera.

io invece, per quel che mi riguarda, in casa non tengo un cazzo.
non ho scatole.
non ho cibo. (solo un po' di alcool).
ho un frigo ma non lo uso.
ho dei libri, si.
ma darò loro fuoco sul piatto doccia l'ultimo giorno.
e quando traslocherò porterò con me solo due paia di mutande, un po' di film porno e un asciugamano per il bidet.
sto anche considerando di portarmi via solo i porno.
e asciugarmi il culo con i dvd.
stando bene attento agli spigoli.

5 commenti:

  1. che strano ho pensato la stessa cosa ma degli uomini...

    RispondiElimina
  2. io houn trapano con 100 punte e fresetta
    e un meraviglioso set di cacciaviti

    non ho decine di contenitori

    ho fatto 2 traslochi da sola
    in andata e in ritorno

    e

    ho la figa!

    Tié

    Ty

    RispondiElimina
  3. Se fossi una donna, mi porterei dietro la figa. Quella sì.

    RispondiElimina
  4. Pare che abbiamo lo stesso concetto di arredamento. Mi piace.

    Se ti riferivi all'isteria regge poco. E' una parola che sintetizza il maschilismo che muove il mondo. Difatti quando le donne hanno cominciato coi loro cortei di pizzi e merletti hanno pareggiato introducendo la nevrosi. E di uomini con l'isteria ce ne sono tanti. Non è possibile ridurre tutto a cazzo e figa.

    Eppoi, anche se mancavano alcol e dvd porno, è da un utero che hai traslocato. E ti manca, se per tutta la vita tenti di farvi ritorno.

    RispondiElimina
  5. io ho traslocato n volte e ...non somiglio affatto alla femmina che hai descritto

    ma che gente frequenti :D

    RispondiElimina