domenica 27 settembre 2009

GIORNALISTI


i giornalisti sono dannosi.
piu' dei sindacalisti.
infatti i sindacalisti sono dannosi solo per i lavoratori.
i giornalisti sono dannosi per tutti.
sono individui che non conoscono direttamente quello di cui parlano, ma lo fanno lo stesso pensando di essere, per definizione, nel giusto.
tipo il papa.
ma con un accento meno ridicolo.
succede così che le idiozie che i giornalisti riescono a partorire grazie ai fondi che lo stato italiano, cioè noi, sborsiamo per i loro stipendi sotto forma di contributi ai giornali, raggiungono vette sublimi.
del tipo che se leggi un articolo di carattere tecnico può benissimo capitare che i gionalisti misurino la corrente in volts, e l'energia in kg o in litri di latte.
oppure si possono leggere su style del corriere della sera pomposi articoli sulla comunicazione.
articoli che si basano sull'osservazione che le api comunicano tra di loro e sopravvivono da milioni di anni.
e dunque la comunicazione non può che essere un bene.
una logica stringente.
sarebbe come dire che gli stercorari vivono da milioni di anni.
e quindi viene da sé che mangiare merda è cosa buona e giusta.
ed a giudicare da come è ridotto il nostro paese, forse è proprio così.

12 commenti:

  1. Mi chiedo cosa prendi per superare l'angoscia di dover scrivere un post.
    Guarda amore che non sei obbligato, puoi anche parlare di argomenti più futili senza dover necessariamente travestirti da novello Boudelaire.
    I " giornalisti" non sono tutti come quelli che vedi sui fumetti dell'uomo ragno.
    A proposito, vado in centro, ti manca nulla?
    Figurine, un giornalino?

    Smack!
    Fai il bravo.

    RispondiElimina
  2. amore, non è educato chiedere continuamente a tutti le cose che non puoi ancora avere, scrivi una letterina a babbo natale e, se sarai stato bravo, da grande, sarai accontentato.

    Mi pare di capire che allora ti piacciono le cesse..

    RispondiElimina
  3. Bruno Vespa = Giornalista = Merda

    Giornalista = Merda

    Bruno Vespa = Merda

    RispondiElimina
  4. Ma il numero uno è un troll o è semplicemente tua moglie?

    RispondiElimina
  5. #5

    sono la madre affidataria, sono un po' protettiva, lo so, del resto da quando ho rinunciato ai voti non riesco a togliermi l'abitudine di confortare gli afflitti, ero nella congregazione delle suore dell'addolorata e assistevo i malati di mente, poi in un rigurgito femminista ho divorziato dal padreterno e ho chiesto l'affido di questo Sgradevole figliuolo con problemi di autostima.
    Dà tanto da fare eh, ma insomma, a dio piacendo spero trovi la sua strada......o il suo stradone, dipende da ciò che vorrà fare.

    Non rincasate tardi e non date confidenza agli sconosciuti per strada.
    Ciao ragazzi.

    RispondiElimina
  6. non ho letto l'articolo quindi non so i dettagli, ma discutere del significato adattativo della comunicazione tirando in ballo anche la danza delle api non mi sembra una cattiva idea

    RispondiElimina
  7. mah.........----ninfomane----

    RispondiElimina
  8. Uh, amore della mamma, sai leggermi così a fondo?
    Sapevo che mi avresti capita prima o poi, del resto, anni di trastullo solitario tra il cambio di una padella e un vespro mi hanno lasciato un indefinibile desiderio di emancipazione sessuale.
    Sì, lo so, ha contribuito anche quella letteratura che tu nascondi nel cesto delle mutande da lavare, tuttavia non capisco perchè alla tua giovane età sei attratto da testi come " mature hookers" o " granny ass", vuoi forse chiedermi qualcosa?

    Ah, stamattina le mutande, ..non te le sei cambiate.
    Non sta bene andare in giro con la sgommata, pensa se devi andare di corsa all'ospedale...
    Che figura madonnasanta...
    Fai il bravo

    RispondiElimina
  9. Ahahah, è sempre bello quando non si capisce se uno è un troll o un amico. Quante ne ho di gente così.

    RispondiElimina