giovedì 16 aprile 2009

SONO SEMPRE I MIGLIORI CHE SE NE VANNO


oppure dipende da una attenta selezione degli intervistati.

"mia moglie era una donna straordinaria. sono distrutto dal dolore."
"mio figlio era davvero un bravo ragazzo. non so darmi pace."
"i mie vicini? mai avuto un problema con loro. delle persone squisite."

sempre così. ma gli stronzi non muoiono proprio mai?

"quella troia? l'avrei uccisa io con la motozappa, se solo non mi avesse anticipato quel branco di cani randagi."
"quello stronzo? con tutto quello che si era sparato in vena avrebbe potuto vendersi alle industrie farmaceutiche come tester di nuovi medicinali, invece di rubarci in casa per comprarsi l'eroina. tossico capellone di merda. meno male che è uscito in motorino senza casco."
"una famiglia di coglioni. lui alla sera se ne andava sempre a puttane, lo sanno tutti. lei invece si faceva scopare dal postino. e sua figlia mi faceva pompini regolarmente nel ripostiglio degli attrezzi. meno male che ci ha pensato il monossido di carbonio a finirli. però per la figlia mi dispiace."

13 commenti:

  1. utente anonimo16 aprile 2009 21:38

    la struttura narrativa, il piglio argomentativo e le due once di ketamina che ho appena assunto mi ricordano vagamente il post sul ponte.

    RispondiElimina
  2. questo merita..non c'è che dire..


    Ty

    RispondiElimina
  3. credo di amarti, ma sono una stronza

    Lapidaria

    RispondiElimina
  4. Sono assolutamente concordante al tuo pensiero. Il mio unico cruccio è capire il perché tutte si innamorino di te. Cioè, anche io leggendoti mi bagno tutta e sento l'atavico ed irrefrenabile impulso di titillarmi le tonsille col tuo glande, però poi uno ti conosce e capisce che davvero non ne vale la pena.
    Donne, sgradevole non ha il pene, e credo di averlo detto più volte da più parti.

    RispondiElimina
  5. @ artemisio

    a parole, ti amano tutte.
    poi quando si tratta di concludere sovviene il mal di testa, il "tu non mi capisci", e via discorrendo.
    tu, in quanto donna, dovresti sapere come sta la faccenda.
    sempre che non riesca a convincermi che quella sera non eri tu, ma tua sorella.

    RispondiElimina
  6. Si farebbe prima a dire "mi fa male la vagina" avrebbe più senso.
    Lapidaria

    RispondiElimina
  7. sgradevole io sono innamorata di te proprio perchè arty non fa che proclamare la non esistenza del tuo pene e tutto ciò mi porta a pensare che in reltà ci sia qualcosa sotto...

    RispondiElimina
  8. Maledettamente vero!!!
    Lo penso sempre anch'io!!!!

    Bisbiglio

    RispondiElimina
  9. Mia sorella ha molte più tette di me. Ila te l'ho detto, sotto non c'è proprio niente.

    RispondiElimina
  10. che tu abbia il pene o no per me non fa nessuna differenza...ma terrei a precisare che anche con gli uomini è la stessa cosa tante parole per ma nulla di fatto...sorriso!

    RispondiElimina
  11. tempo fa mi ero interrogato anch'io sull'annosa questione dell'apparente immortalita' degli stronzi...tuttavia avevo espresso il concetto con minore efficacia:

    http://irishmarcolm.splinder.com/post/18247123/Per+ipotesi

    complimenti

    RispondiElimina