mercoledì 8 aprile 2009

REINGEGNERIZZAZIONE DEI PROCESSI


secondo la disciplina della reingegnerizzazione dei processi sembra assodato che sia conveniente, per le aziende, basare le proprie attività su orari di lavoro compatibili con la vita privata dei propri dipendenti.
ciò favorisce infatti la produttività ed il senso di soddisfazione dei lavoratori.
da studi ancora più avanzati in materia, pare addirittura che esista un limite fisico per le ore che un lavoratore può passare ogni giorno in ufficio senza mettere seriamente a repentaglio la propria produttività o, quantomeno, la definizione di anno. tale numero è accreditato pari a 24,000±0,005.
questi studi hanno inoltre evidenziato quantitativamente l'abitudine degli impiegati di fingersi malati nelle giornate di lunedì e venerdì allo scopo di allungare artificiosamente il week end.
sembra infatti che ben il 40% delle assenze totali dipendano da assenze consumate in queste due sole giornate.
a pensarci bene, ha proprio dell'incredibile.

2 commenti:

  1. 24,000 possono essere notoriamente baci
    dacci un'unità di misura...

    RispondiElimina
  2. ilanio. non ti preoccupare.
    è connaturato nell'essere donna il non capire queste cose.
    se leggi bene si parla di ore.
    per quanto riguarda la notazione, è quella ufficiale in corso.
    ovviamente ufficiale per tutti tranne per voi anglofoni e le vostre ridicole unità di misura. (per tutte leggi: b.t.u.)

    ps. prima che tu me lo chieda col prossimo commento: 2/5=40%.

    RispondiElimina